Verde come il caffè

Sempre più popolare e alla moda, il caffè verde è un prodotto unico nel suo genere: le sue proprietà benefiche e il presunto potere dimagrante ne fanno una bevanda molto apprezzata.

Di che colore è il caffè? Di un bellissimo verde acido!

Non è uno scherzo della natura, né l’effetto di qualche modifica genetica: il caffè verde non è altro che il chicco classico non ancora maturo.

A differenza di quelli tradizionali, i chicchi di caffè verde non subiscono il processo di torrefazione, ma vengono lasciati semplicemente essiccare al sole.

In tal modo, oltre al caratteristico colore, conservano al loro interno tutti quei principi altrimenti dispersi durante le fasi di tostatura.

Nel caffè verde è presente una minore quantità di caffeina legata all’acido clorogenico, un potente antiossidante.

La molecola contenuta nel “green coffee” viene assorbita più lentamente rispetto a quella del caffè torrefatto, ma rimane in circolo per tempi più lunghi.

Ricco di polifenoli, vitamine (soprattutto del gruppo B) e sali minerali, il caffè verde ha la capacità di ridurre il colesterolo, regolare pressione arteriosa e glicemia, rinforzare i tessuti, accelerare il metabolismo e ridurre l’assorbimento dei grassi.

La bevanda derivata dal caffè verde ha un pH più alto rispetto all’espresso tradizionale, per tanto è meno lesiva a livello gastrico.

Il caffè verde lo abbiamo conosciuto come integratore alimentare sotto forma di bustine solubili o compresse.

Grazie al suo “successo”, oggi non è più un “prodotto” da erboristeria, ma possiamo acquistarlo in grani, capsule o cialde da utilizzare comodamente nella nostra moka o macchinetta del caffè.

Il caffè è sempre un piacere, ma se è verde lo è anche per la nostra salute.