Italiani: campioni di dolcezza!

Trionfo all’ Host di Milano 2017: l’Italia è la vincitrice del Campionato Mondiale di Pasticceria organizzato dalla Fipgc (Federazione Internazionale Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria) in occasione del salone dell’ospitalità alla fiera di Milano-Rho.

I pasticceri migliori del mondo? Sono Italiani!

Il team azzurro, formato da Matteo Cutolo, Giuseppe Russi ed Enrico Casarano, è riuscito a conquistare l’ambito titolo al The World Trophy of Paste Ice Cream Chocolate, campionato mondiale di pasticceria.

La competizione ha visto affrontasi venti squadre per altrettanti Paesi, dai 4 continenti.

Ogni squadra ha dovuto produrre tre specialità: monoporzione di gelato, cioccolatino o pralina, torta moderna e  tre sculture, una in pastigliaggio (pasta di zucchero malleabile), una in isomalto e una in cioccolato.

 

 

La squadra italiana ha sviluppato il tema ‘Alla scoperta del mondo del cioccolato e del caffè’ realizzando:

una maschera Maya di cioccolato, che celebra l’origine del cacao;

un’ opera dedicata al caffè, in pasta di zucchero, raffigurante un macinino tradizionale, una moka e un tavolino;

una rappresentazione in isomalto, che celebra l’incontro tra i due elementi, cioccolato e caffè, attraverso un vero e proprio bacio.

I nostri maestri con le loro bellissime opere hanno conquistato il titolo 2017, dopo una gara agguerrita ed entusiasmante, con tanto di tifoserie e bandiere.

 

 

Le opere sono state valutate da una giuria di 20 esperti internazionali formata dai capitani delle squadre in gara, sotto la presidenza di Christian Beduschi, uno dei migliori pasticceri italiani.

Al secondo posto si è classificata la Cina, che ha vinto anche il premio speciale per la miglior scultura artistica.

Sul terzo gradino del podio, invece, è salito il Giappone, vincitore della precedente edizione.

Alla Svizzera  il premio per il miglior gelato, mentre la Francia si aggiudica quello per la miglior ‘torta moderna’.

Il premio giornalistico ‘Pastry Magazine’, infine, è andato al Marocco.

E’ proprio vero, Italians do it better… anche in pasticceria!

 

 

 

.